La Macchia: perché il nome

FullSizeRender (1)

A metà del Cinquecento c’era al confine fra Roma e Viterbo un grosso feudo quasi disabitato ai piedi di un monte solitario, conosciuto allora come Monte Sassano e oggi come Monte dell’Eremo.

Dopo che la selva si era impossessata di quasi tutti i campi coltivati, i feudatari del luogo emanarono un bando per attirare in quest’area dei coloni, che giunsero dall’Umbria, dalla Toscana e dalle Marche.  Il luogo iniziò quindi a popolarsi e il villaggio che si venne a formare fu chiamato “Manziana”, dal nome della selva Mantus da cui era dominato.

Nonostante il processo intensivo di deforestazione, ciò che rimane oggi della selva si impone come la maggior estensione pianeggiante di piante ad alto fusto d’Europa ed è conosciuto come “Bosco Macchia Grande”, abbreviato nel lessico locale in “La Macchia”.

La scelta di chiamare il blog “La Macchia” è un omaggio alla natura che ci appartiene e con la quale continuiamo a vivere in profonda simbiosi ed è, allo stesso tempo, un augurio che la tematica ecologica ed ambientale venga finalmente ad assumere la considerazione che le spetta.

“La Macchia” è anche un riferimento all’inchiostro di chi sceglie di scrivere e confrontarsi, nella convinzione che l’informazione e la consapevolezza siano presupposti necessari per una libertà propriamente intesa.

Annunci

Informazioni su lamacchiablog

Blogger a Manziana, Roma.
Questa voce è stata pubblicata in Cultura, Informazione, Territorio e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...